Associazione Amici di Pisa

Finalmente si riparla di Tangenziale Nord Est

PDFStampaE-mail
Pisa, mercoledì 17 Gennaio 2018

Oggetto:   Finalmente si riparla della Tangenziale di Nord/Est.

Da qualche giorno gli “Amici di Pisa” risentono parlare della necessità di realizzare il progetto che prevede la costruzione (in tre lotti) della così detta “Tangenziale di Nord/Est” considerata strategica non solo per Pisa, ma per tutto il territorio sangiulianese.

Sperando che non sia la solita promessa elettorale gli “Amici di Pisa”, che da anni si battono per la realizzazione di questo infrastruttura, si permettono di suggerire alcuni elementi a chi, intervenuto sull’argomento, fa giustamente notare che i 13 milioni di Euro stanziati dal Cipe non sono minimamente sufficienti per il completamento dell’opera.

Infatti, facciamo notare agli amministratori dei comuni interessati, che questa opera, prevista nell’ “Accordo di programma per il trasferimento delle attività dell’Azienda ospedaliera dal S. Chiara a Cisanello”, datato 31.3.2005  e firmato anche dalla Regione Toscana, dai Comuni di Pisa, S. Giuliano Terme e dalla Provincia di Pisa, prevedeva che  questi quattro Enti territoriali  “si impegnano a finanziare l’opera, se fosse necessario, anche con le entrate straordinarie come quelle derivanti dal processo di valorizzazione e privatizzazione della S.A.T.”.

Quindi, poiché la Regione Toscana ha venduto gran parte delle sue azioni dell’ ex S.A.T. a Corporacion America, divenendo quest’ultima socio privato di maggioranza di Toscana Aeroporti, suggeriamo agli amministratori locali dei comuni interessati alla costruzione della tangenziale, di richiedere alla Regione quanto è stato realizzato da tale vendita e se intende metterlo a disposizione per la realizzazione del suddetto progetto.

Forse con questi altri mezzi finanziari si potrebbe dar inizio finalmente all’opera.

Il Presidente
(Dr.Franco Ferraro)

 

Venerdì 19.1 ore 17. Mallegni e il Neandertaliano del Circeo

PDFStampaE-mail

Associazione degli Amici di Pisa

Venerdì 19 Gennaio 2018  ( 2018 S.P. ) ore 17

presso la sede sociale sita in Pisa, via Pietro Gori n. 17

già via San Giovannino, traversa di Via S. Martino- Quartiere Kinzica

il professor  FRANCESCO  MALLEGNI ci intratterrà su:

“ Il Neandertaliano del Circeo, una fine problematica”

La S.V. è gentilmente invitata

 

Eventi Gennaio-Marzo 2018

PDFStampaE-mail

NELL'APPOSITA SEZIONE, SONO PUBBLICATI GLI EVENTI

DEGLI "AMICI DI PISA" PER IL PRIMO TRIMESTRE 2018

   

Venerdì 12.1. ore 17: popolazione pisana e Comune Unico

PDFStampaE-mail

Venerdì 12 Gennaio 2018  ( 2018 S.P. ) ore 17

presso la sede sociale sita in Pisa, via Pietro Gori n. 17

già via San Giovannino, traversa di Via S. Martino- Quartiere Kinzica

SIMONE  LO  MONACO

Componente del Consiglio Direttivo del sodalizio relazionerà su:

“ LA  POPOLAZIONE PISANA, IERI, OGGI E DOMANI ”

Analisi demografica pisana dal 1981 ad oggi e prospettive per la creazione di un Comune Unico dell’ Area Pisana.

La S.V. è gentilmente invitata

 

Il calo demografico cittadino e il Comune Unico Pisano: la campagna elettorale non volti le spalle al vero problema

PDFStampaE-mail

COMUNICATO ALLA STAMPA LOCALE E NAZIONALE

Pisa, sabato 2.12.2017- 2018 S.P.

OGGETTO:  Declino demografico di Pisa e Comune Unico Pisano

Gli “Amici di Pisa” intendono porre all’attenzione della città, delle sue istituzioni, delle sue parti economiche e sociali, la questione del declino demografico delle nostre comunità.

Questo declino, misurabile attraverso i dati ISTAT, ci dice che Pisa oltre aver  perso  negli ultimi decenni, dal 1981 ad oggi, circa 15 mila residenti, vede la sua popolazione sempre più vecchia; oltre un residente su quattro ha più di 65 anni, per ogni giovane ci sono 2,3 anziani; la popolazione attiva è in forte diminuzione.

Una città meno popolata, più vecchia, con pochi giovani, è una città più povera, con tante case e negozi vuoti, ma anche più triste con pochi bambini e parchi vuoti; in sintesi ha poca proposizione verso il futuro.

I comuni vicini  hanno assorbito molta parte dei residenti in questi anni, ma anch’essi sembrano avere raggiunto un punto di saturazione e quest’anno, per la prima volta dal 1931, ovvero dopo 86 anni di continua e costante crescita, molto probabilmente anche il Comune di Cascina verrà decrescere il numero dei suoi residenti nel frattempo arrivati alla cifra di oltre 45 mila.

Un altro dato da far presente è il numero dei non italiani, il loro arrivo attenua ma non completamente questo declino.

Questi fenomeni vanno affrontati immediatamente; servono politiche per la natalità, per le famiglie, per gestire i servizi con una popolazione così composta; per noi resta fondamentale il tema del Comune Unico, che è l’unica e più efficace risposta per avere maggiore forza istituzionale, maggiore attrattività per gli investimenti, maggiori risorse da destinare ai servizi al cittadino.

Come “Amici di Pisa”, con le nostre analisi e le nostre proposte, non mancheremo di dare il nostro contributo che, nostro malgrado, spesso ci accorgiamo essere isolato e originale.

Queste evoluzioni richiedono la massima attenzione da parte dei nostri amministratori, attuali e futuri, e devono essere sicuramente tema di confronto durante la imminente campagna elettorale a Pisa.

Il Presidente
Dr. Franco Ferraro

   

Pagina 1 di 99

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>