Associazione Amici di Pisa

Amici di Pisa, arriva il 6 Agosto, Die di Santo Sisto

PDFStampaE-mail

Pisa, Mercoledì  10 Luglio  2019,  2020 in stile pisano

A  tutti  i  Soci loro indirizzi

OGGETTO: 6 Agosto 2019  “Die di Santo Sisto”, data memorabile nella Storia di Pisa.

Con orgoglio pisano colgo l’occasione per informarVi che  Martedì 6 Agosto p.v. si svolgerà lo “Die di Santo Sisto, Dies Memorialisa: Festa della Riconoscenza” presso la Chiesa di San Sisto in Corte Vecchia in via Corsica, evento giunto al 61° appuntamento.

Il programma prevede alle ore 18, dopo l’ arrico dal Comune di un corteo storico,con la presenza delle autorità, la deposizione della Corona d’Alloro sulla lapide ai Caduti pisani di tutte le guerre posta a lato della Chiesa, in via Corsica . A seguire, all’interno del tempio, la deposizione di un omaggio floreale al busto argenteo di San Sisto scolpito dal compianto Prof. Antonio Fascetti socio fondatore degli AdP.

La Santa Messa sarà officiata da Don Francesco Barsotti durante la quale si rinnoverà l’antico rito della Benedizione dell’ Uva; al termine della quale il Presidente terrà la consueta  relazione annuale sulle attività del sodalizio.

Successivamente, nella tradizionale Orazione Storica,  il dottor Claudio Luperini ci parlerà di “Antonio Pacinotti, matematico e scienziato pisano – “ Luglio 1887. Da vario tempo vado pensando alla balestra elettromagnetica “.

Su delibera del Consiglio Direttivo, quest’anno saranno premiati come Soci d’Onore della nostra Associazione saranno: il prof. Paolo De Simone e il dottor Daniele Pezzati per il loro fondamentale  contributo alla medicina e alla chirurgia nella struttura ospedaliera pisana.

A fine cerimonia ci ritroveremo con i Soci ed i Simpatizzanti per la cena sociale che si svolgerà presso il  ristorante “Osteria in Domo”in Via Santa Maria 129.

Il ritrovo è previsto alle ore 20,30costo di € 30 a persona;considerando i posti limitati è necessaria la prenotazione entro il 27/7 a Ghilardi Stefano ( 338.6543223 ),a Ferraro Franco ( 320/9033821 ), o inviando un messaggio alla posta elettronica dell’ Associazione sotto riportata con contestuale versamento del dovuto sul c/c intestato all’ Associazione (IBAN: IT39R05034 14024 000000120458 ).

La Vostra partecipazione fisica è per noi motivo di soddisfazione e di condivisione alla diffusione della Storia Pisana, alla promozione dello sviluppo e del progresso di Pisa nelle sue molteplici realtà.Vi aspettiamo numerosi, la Vostra presenza sarà oltremodo gradita e potrete approfondire ulteriori informazioni sulla vita dell’ Associazione tramite il nostro sito: www.associazioneamicidipisa.it ed anche su Facebook al gruppo “Associazione degli Amici di Pisa”, negli Eventi Facebook, su Twitter ed Pinterest.

Nell’attesa di incontrarVi  personalmente porgo i più cordiali saluti.

IL   PRESIDENTE    
(Dr.  Stefano Ghilardi)
Attachments:
FileDescrizioneFile size
Download this file (diesantosisto_nvito soci 6 Agosto 2019.pdf)Amici di Pisa, arriva il 6 Agosto, Die di Santo Sisto 200 Kb
 

Gli "Amici di Pisa" in Consiglio Comunale per tutelare le spiagge pisane

PDFStampaE-mail

COMUNICATO STAMPA

Pisa, martedì 23 luglio 2019, 2020 in stile pisano

EROSIONE DEL LITORALE PISANO:

GLI “AMICI DI PISA” PORTANO L’ALLARME IN CONSIGLIO COMUNALE.

“Un drappello di Amici di Pisa, nel pomeriggio di martedì, durante il consiglio comunale ha fisicamente consegnato a consiglieri e membri di giunta il volantino relativo alla petizione "Salviamo le spiagge pisane". Ogni membro delle Istituzioni pisane è stato così invitato a fare la propria parte e ad assumersi le proprie responsabilità di fronte alla comunità tutta: difendere e tutelare il meraviglioso paesaggio pisano, gli arenili ! ”

IL PRESIDENTE
(Dr Stefano Ghilardi)
 

Pisa promuova il trasferimento tecnologico, sostenere i Festival

PDFStampaE-mail

COMUNICATO STAMPA

Pisa, venerdì 19 luglio 2019, 2020 in stilepisano

20 ANNI DI POLO SCIENTIFICO DI NAVACCHIO.

PISA PROMUOVA IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

E LA PRODUZIONE SUL TERRITORIO.

SOSTENERE IL FESTIVAL DELLA ROBOTICA ED INTERNET FESTIVAL

“La seconda stagione del Festival della Robotica svoltasi nel 2018 ha visto un successo superiore alle aspettative. 15mila presenze giunte a Pisa appositamente per i 7 giorni di Festival: professionisti, chirurghi, docenti e ricercatori arrivati in città dall’estero, per congressi, lezioni, iniziative, spettacoli. Sono stati ben 93 gli eventi, 18 le sedi espositive ed oltre 30 discipline, tutto nel luogo ideale laddove nacque la C.E.P. Calcolatrice Elettronica Pisana, lì dove è nato il primo ping italiano di internet. Pisa con la sua area, vanta una delle più alte concentrazioni al mondo di addetti e di attività di ricerca, sviluppo e applicazione di sistemi robotici. E’ una kermesse che attira i riflettori sulla città con oltre 50 addetti stampa accreditati  che oltre a produrre risonanza mediatica di promozione del “marchio-Pisa”, attira l'interesse di potenziali investitori del settore che sarà trainante in ogni ambito futuro: l'innovazione tecnologica e robotica. A Pisa è stato associato il termine di "Robotown", una definizione che apprezziamo e che inorgoglisce tutta la comunità, un’ occasione anche per "destagionalizzare" il turismo nei mesi meno intensi e garantire agli operatori alberghieri e commerciali, continuità lavorativa. Avevamo già espresso pubblicamente il nostro apprezzamento e ringraziamento alle istituzioni e alle varie realtà accademiche e categoriali che, facendo squadra, avevano supportato questo grande evento, dimostrando che quando si agisce assieme e con obiettivi comuni i risultati arrivano. Ci risulta che non ci sarà l’edizione 2019 del Festival della Robotica. Pisa deve arrivare a costruire un Polo della Robotica, un luogo che sia attrattivo del trasferimento alla produzione, quella che dà lavoro: il Festival della Robotica è lo frizione ideale alla trazione. Non possiamo farne a meno, non possiamo pensare di ridurlo. Il Comune di Pisa sia la cinghia di trasmissione dell’organizzazione insieme ai comuni limitrofi per ripetere su Pisa, il modello-Milano per le Olimpiadi invernali. Pisa ha tre centri d’eccellenza universitari, altre grandi eccellenze in campo medico e del biomedicale ed anche artigianale e industriale: tutti vanno messi in rete per dare finalizzazione nella produzione sul territorio a quanto inventato, studiato, sperimentato.

IL PRESIDENTE
(Dr Stefano Ghilardi)

   

ADP in piazza per difendere le spiagge pisane: sabato 20.7 ore 9

PDFStampaE-mail

COMUNICATO STAMPA

GLI “AMICI DI PISA” DI NUOVO IN CAMPO PER DIFENDERE PISA:

SABATO 20 LUGLIO DALLE ORE 9 IN PIAZZA DEI FIORI A TIRRENIA.

QUESTE LE MOTIVAZIONI:

Raccolta firme per la difesa del Litorale Pisano

CALAMBRONE, TIRRENIA E MARINA DI PISA, ADDIO ARENILI ?

E' questa la fine che farà la Tirrenia che conosciamo?

Diremo addio alle sue spiagge frequentate ogni estate da decine di migliaia di persone?

Ci saranno conseguenze negative per i residenti e i lavoratori del litorale pisano?

CHE FINE FARA’ LA TIRRENIA CHE CONOSCIAMO E I POSTI DI LAVORO DEL LITORALE PISANO CHE E’ PARTE INTEGRANTE DEL PARCO MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI ?

COSA ACCADRA’ ALL’ARENILE DEL LITORALE PISANO CON LA PIATTAFORMA EUROPA DI LIVORNO ?

“Darsena Europa” a Livorno. Un progetto portuale da circa 467 milioni di euro pubblici (dati del luglio 2017) per portare al porto di Livorno navi molto più grandi e che prevede l'escavazione di fondali fino a18  /20 mt di profondità rispetto agli attuali e naturali che sono anche di soli 5 metri.

Le dighe marine, possono alterare l’equilibrio del moto ondoso sulle coste.

Già nel 1860 con la costruzione della diga Curvilinea parallela  alla costa, l’alterazione delle correnti marine costiere fu tale che  negli anni successivi sparirono  dalla spiaggia del Litorale Pisano   43000 mq di sabbia.

Nel 1890 con la costruzione della diga della Vegliaia  lunga 400 metri e perpendicolare alla costa sparirono in 5 anni, altri 27300 mq di spiaggia.

Nel 1909 con la costruzione della diga della Meloria, di 800 metri, il prolungamento della diga Curvilinea del 1860 protesa  verso il mare aperto,  causò un’ulteriore scomparsa di sabbia.(Dati tratti da un articolo dell’ing. Borghi apparso su La Rassegna Stampa del Comune di Pisa del Gen-Feb 1970)

Cosa accadrà oggi al nostro Litorale con la costruzione di una nuova super diga di circa 1500 mt ?

Cosa ci attende se le conseguenze saranno le stesse avvenute in passato?

Sono domande legittime a quesiti importanti e fondamentali per il futuro delle spiagge del Litorale Pisano.

Già in passato e più volte abbiamo posto questo tema all’attenzione delle Istituzioni locali, ma ad oggi non sono arrivati impegni concreti per verificare le possibili conseguenze di questi progetti, abbiamo avuto solo timide rassicurazioni e semplici dichiarazioni sulla “volontà di sorvegliare e monitorare la situazione”. Non basta.

E’ necessario invece compiere approfonditi e certificati studi di tale opera sui possibili effetti erosivi sul Litorale Pisano dalla Foce del Serchio fino allo Scolmatore prima e non dopo l'inizio dei lavori!

E' necessario aprire subito e urgentemente  un confronto pubblico con la comunità pisana !

I cittadini hanno il diritto di sapere come stanno le cose, meritano risposte alle loro domande.

Come Associazione degli Amici di Pisa, assieme a tanti cittadini e esercenti locali continueremo a portare il tema all'attenzione delle istituzioni e degli organi di stampa finché l'argomento non sarà trattato con l’importanza che merita.

Lo ribadiamo adesso con la petizione pubblica “SALVIAMO LE SPIAGGE PISANE” che potrai firmare online sul sito www.change.org o anche nel gruppo Facebook dell’Associazione degli Amici di Pisa.

Ci rivolgiamo a tutti gli Enti interessati e coinvolti (Comuni di Pisa e Livorno, Provincia, Regione, Ministero dell'Ambiente e delle Infrastrutture), chiediamo che siano date risposte chiare e definite a queste domande, i cittadini meritano e hanno il diritto di conoscere la verità, per la tutela e difesa del loro territorio, patrimonio dell'intera comunità.

ASSOCIAZIONE DEGLI AMICI DI PISA-ABITANTI E LAVORATORI DEL LITORALE PISANO

IL PRESIDENTE

(Dr Stefano Ghilardi)

Allegate foto d’epoca:

 

Piccoli Azioni di T.A. e Amici di Pisa intervengono sullo scalo di Pisa

PDFStampaE-mail
ASSOCIAZIONE DEGLI AMICI DI PISA
E COMITATO  PICCOLI  AZIONISTI  TOSCANA  AEROPORTI

Pisa, lunedì 15 Luglio 2019, 2020 in stile pisano

A  tutti  i quotidiani  locali e nazionali
Oggetto:
il presidente di T.A. MARCO CARRAI e il terminal del “GALILEI” DI PISA

“Il Presidente di Toscana Aeroporti (TA), ha dichiarato recentemente che “la redditività del Vespucci  permette a TA  di investire su PISA, senza avere contributi pubblici” e che in attesa del pronunciamento del Consiglio di Stato, sul ricorso contro le sentenze del TAR, su Peretola, TA dovrà però rivedere il cronoprogramma degli investimenti su PISA.

Ricordiamo che il Master Plan SAT 2014/28 e il Piano Economico Finanziario sul Galilei, furono approvati da ENAC e ritenuti sostenibili in autofinanziamento da SAT e che il Documento Informativo Consob, proposto agli azionisti, per la Fusione, per incorporazione di AdF in SAT, prevedeva già 4 fasi di Ampliamento del Terminal del Galilei, di cui la prima fase, per incrementare sin da subito, la capacità aeroportuale del terminal fino a 6,5 milioni di passeggeri annui e successive tre fasi, per portare la capacità aeroportuale del Galilei fino ad un massimo di 7-8 milioni di passeggeri annui.

Precisiamo che la 1^ fase di realizzazione del terminal pisano (37 milioni) costerebbe meno del 10% degli investimenti previsti da TA su Firenze e che ENAC e Consob, 5 anni fa, ritennero sostenibile per SAT, società pubblica, l'ampliamento in autofinanziamento del terminal. A maggior ragione la presenza ora di soci privati, come Corporacion America ed il fondo sovrano del Dubai, dovrebbero permettere di far fronte agli investimenti previsti.

Ribadiamo che l'ex Presidente del Consiglio Regionale Alberto Monaci affermò: “Alla fine ha vinto chi voleva la pista da 2400m e fondere le due società aeroportuali. Temo che la fusione non stimoli la competizione ma attivi il controllo. Fossi stato un politico pisano mi sarei opposto con tutte le mie forze fino a sdraiarmi per protesta sulla pista” .

Continuiamo a credere che il dottor Monaci avesse perfettamente ragione.”
.
Presidente Comitato Piccoli Azionisti T.A.-    Dott. Gianni Conzadori
Presidente Associazione degli Amici di Pisa- Dott. Stefano Ghilardi

   

Pagina 3 di 118

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>